Mondo impresa

Come aprire una piccola impresa e concretizzare la tua idea di business

Hai avuto l’ispirazione per una magnifica idea di business, ma passare da uno scarabocchio su un post-it ad aprire una piccola impresa richiede parecchio impegno. Ce n’è di strada da fare prima che il tuo progetto si concretizzi in un’attività ben avviata.

Certo, altri imprenditori hanno già percorso questa strada. Sono partiti da un’idea e hanno intrapreso una serie di azioni che li ha condotti a essere oggi al timone di brand conosciuti. Ma il loro percorso è unico e difficilmente replicabile. Ogni impresa ha le sue peculiarità e incontra diverse criticità, correlate a persone, momenti storici, mercati, tipologie di prodotti e servizi.

Tuttavia, ci sono degli step fondamentali che ogni imprenditore può fare per dare la spinta giusta alla sua intuizione e trasformarla in un modello di business sostenibile. Vediamo insieme quali sono e poniamo le basi su cui costruire il futuro della tua impresa.

 

Partire da un’idea e arrivare ad aprire una piccola impresa

 

L’idea per una nuova attività imprenditoriale può arrivare da una tua passione personale. Oppure, dalla consapevolezza che le persone avrebbero bisogno di un prodotto o servizio che ancora non è presente sul mercato, ma che risolverebbe un problema specifico. Ma nonostante la prima intuizione possa essere geniale, deve avere dei requisiti specifici per potersi tradurre in una valida prospettiva di business.

Quindi, il primo passo è quello di validare la propria idea e accertarsi di soddisfare determinate condizioni, in quanto deve avere

  • delle potenzialità di successo quando verrà introdotta sul mercato;
  • rivolgersi a un pubblico preciso, individuato preventivamente;
  • rispondere a esigenze già espresse dal mercato o crearne di nuove.

 

Questo significa che bisogna fare ricerche approfondite per valutare quali siano i punti di forza della tua idea. E, soprattutto, individuare gli aspetti critici che potrebbero mettere a rischio l’impresa fin dall’inizio. Prendere in considerazione anche tutti gli aspetti negativi, prima che si verifichino le problematiche reali, ti permetterà di giocare d’anticipo, affrontando i possibili ostacoli e minimizzando gli imprevisti.

 

Il business plan: la chiave del successo per aprire un’azienda

 

Quando avrai la certezza che la tua idea di business possiede delle basi sostenibili per poter funzionare, è fondamentale mettere tutto nero su bianco. Il business plan è un documento fondamentale, poiché farà da bussola a ogni attività prevista nello sviluppo e nell’organizzazione  dell’azienda: definisce scopi e valori aziendali e permette di fissare degli obiettivi realistici, per tenere ogni aspetto del tuo progetto sotto controllo.

Inoltre, il business plan è il documento che potrai presentare alle banche o a eventuali finanziatori per persuaderli a investire nel tuo progetto. Infatti, se ben strutturato e compilato in ogni sua parte, offre la garanzia che si tratti di un’idea di business concreta, con un piano d’azione studiato in ogni minimo dettaglio per raggiungere il successo e avviare un’impresa capace di generare utili. Nello specifico, un business plan ben compilato dovrebbe almeno:

  • descrivere in modo dettagliato l’attività, quale struttura ha la tua azienda, la forma giuridica, chi ne fa parte e con quale ruolo;
  • individuare degli obiettivi aziendali, con focus sulla misurabilità degli stessi;
  • illustrare prodotti o servizi, a chi si rivolge e come si posiziona sul mercato.
  • indicare una USP (Unique Selling Proposition), ovvero la caratteristica unica che differenzia la tua offerta da quelle già presenti sul mercato, qualcosa che decreti il successo dell’idea e spieghi perché le persone debbano scegliere proprio ciò che offri tu e non la concorrenza;
  • indicare il capitale iniziale richiesto per avviare con successo l’attività;
  • indicare una previsione delle spese con una prospettiva mensile, trimestrale, semestrale e annuale;
  • offrire previsioni di reddito, con prospettive mensili, trimestrali, semestrali e annuali.

 

Come aprire una piccola impresa

 

Investi in un piano marketing per avviare un’attività

 

Ora che il tuo progetto di business è ben strutturato, l’obiettivo è far sapere alle persone che la tua azienda è in attività. Questo significa che devi investire in marketing per promuovere i tuoi prodotti e i tuoi servizi, raggiungere le persone a cui vuoi rivolgerti e acquisire nuovi clienti.

Ma anche l’attività di marketing richiede una programmazione precisa e misurabile. Altrimenti corri il rischio di ritrovarti a spendere cifre incontrollate inseguendo il canale promozionale più in voga al momento, senza registrare nessun ritorno d’investimento concreto.

Studia il mercato e individua i media più efficaci attraverso cui raggiungere il tuo pubblico. Internet ha reso più accessibili i costi di promozione, con varie soluzioni di marketing digitale a disposizione delle imprese. In questo approfondimento, puoi scoprire come promuovere un’azienda on line con un budget limitato.

Costruisci una brand identity che identifichi i valori della tua azienda e di ciò che offre. Istituisci un budget da allocare alla promozione e calcola quanto valore deve generare questo investimento. Programma minuziosamente ogni attività di marketing e monitora periodicamente le campagne promozionali, così da poter investire su ciò che è più efficace. A tal fine, ti sarà utile sapere come definire e monitorare un budget di marketing.

 

Mettiti in proprio con l’aiuto dei consulenti giusti

 

La contabilità aziendale è complessa e richiede competenze specifiche. Anche se hai esperienza in ambito economico e fiscale, tenere sotto controllo tutti gli aspetti legati all’amministrazione aziendale richiede tempo e concentrazione. È meglio affidarsi a un team di professionisti, capaci di affiancarti in ogni fase di incubazione del tuo progetto aziendale.

Le consulenze di un commercialista e di un legale, ad esempio, ti possono agevolare il lavoro durante la compilazione del business plan. Avrai inoltre bisogno di rivolgerti a un notaio per depositare correttamente tutte le documentazioni necessarie alla registrazione della tua impresa.

Farti affiancare da un esperto potrebbe agevolarti l’accesso a finanziamenti e investimenti e aprirti nuove opportunità grazie alla maggiore disponibilità di capitale. Circondati di professionisti preparati e competenti, perché saranno i tuoi migliori alleati nella realizzazione dei tuoi progetti professionali.

 

Aprire una piccola impresa di successo è possibile

 

Quando butti giù i primi appunti su un’agenda, l’idea di un ufficio ben avviato sembra molto lontana. È facile scoraggiarsi pensando al momento di crisi generale e alle tante difficoltà che possono rallentare il percorso.

Ma le grandi aziende che prosperano attualmente sul mercato, nonostante le tante difficoltà, hanno una cosa in comune: degli imprenditori che non si sono arresi e hanno perseguito il loro progetto con tenacia e dedizione.

Il percorso per aprire una piccola impresa è lungo, richiede tempo e preparazione. Forse, dovrai anche trovare dei soci o cofondatori su cui poter contare e avere ogni aspetto burocratico sotto controllo. Credi nel tuo progetto e non perdere di vista i tuoi obiettivi: questa è la via migliore per vedere la tua intuizione diventare un’azienda di successo.

persona che attiva un contratto

Attiva ora
la tua fornitura
Bastano solo
2 minuti