Essere imprenditore

Gestione dei dipendenti: 5 consigli per non commettere errori

Sono molti i fattori che contribuiscono al successo di un’azienda, da una strategia di vendita vincente a una leadership visionaria. Ma anche la gestione dei dipendenti, se portata avanti con empatia e spirito di squadra, può avere un forte impatto nello sviluppo di un’organizzazione.

Un lavoratore che si sente apprezzato è più efficiente e motivato. Viene in ufficio con il giusto atteggiamento ed è propenso a lottare per raggiungere gli obiettivi aziendali. Tuttavia, questo è possibile solo sotto la guida di un manager capace e lungimirante. Inizia a gestire il personale come se fosse un cliente, dedicagli attenzione e tempo, vedrai che i risultati non tarderanno ad arrivare.

 

Gestione dei dipendenti: un lavoro quotidiano

 

Fai attenzione ai segni di disagio nei tuoi collaboratori. Se desideri un ambiente di lavoro sereno e produttivo, devi assicurarti che tutti siano allineati con la tua visione e i tuoi obiettivi. Ma non credere che sarà una passeggiata. La gestione dei dipendenti è una sfida complessa e non puoi commettere errori.

Per esprimere il loro massimo potenziale, le persone hanno bisogno di essere incoraggiate e di sentirsi considerate. Ma non sempre è un giorno perfetto e anche i migliori collaboratori possono creare grattacapi. Devi saper affrontare ogni situazione nel modo giusto. Da una comunicazione cristallina alla definizione delle priorità, fino all’organizzazione delle attività, far funzionare il tuo team non è affatto banale. Come ci riesci?

Abbiamo selezionato 5 consigli per aiutarti a sviluppare le tue capacità di gestione del personale e diventare un leader più efficace. Non sarà facile. Ma dimostrandoti interessato e attento riuscirai a coinvolgere i tuoi collaboratori e a renderli più partecipi.

 

#1 Mantieni una buona comunicazione

 

La gestione del personale dipendente sarà sempre inefficace, se non sai come comunicare con i tuoi collaboratori. Il punto non è solo far passare un messaggio in modo chiaro, devi anche essere disposto ad ascoltarli.

Comincia con il fornire un feedback. Positivo o negativo che sia, dovresti sempre offrire un riscontro, con l’obiettivo di incoraggiare a fare meglio o riconoscere il merito di un lavoro ben fatto. Cerca di avere più conversazioni faccia a faccia, limita le comunicazioni via telefono o e-mail, il contatto umano ha sempre un impatto potente. In ogni caso, che sia orale o scritto, sii conciso e chiaro. È il modo migliore per evitare incomprensioni e conflitti inutili.

Lavora sulla comunicazione non verbale. Puoi dedurre tanto da come si muove una persona. Decifrarne i comportamenti è fondamentale. Ad esempio, se la persona davanti a te tiene le braccia incrociate o muove le mani con frenesia, sono segnali di chiusura o disagio. E tu devi sapere perché.

Presta attenzione agli atteggiamenti dei tuoi collaboratori e allenati a un ascolto attivo. Non interromperli mentre ti parlano, lascia che esprimano il loro pensiero. Fai le tue domande al momento giusto e non divagare. Dimostrati un leader partecipe e coinvolto, i tuoi dipendenti si sentiranno presi in considerazione.

 

#2 Una gestione dei dipendenti efficace valorizza le persone

 

Premia un lavoro ben fatto, impara a conoscere i tuoi impiegati, fidati di loro, trattali tutti allo stesso modo e crea possibilità di crescita. Il segreto nella gestione dei dipendenti passa dal far capire alle persone che hanno un valore. Per te, e per il funzionamento dell’impresa.

Sviluppare una relazione con i propri collaboratori è un fattore decisivo nel management. Non parliamo di costruire un’amicizia, ma di avere un sano interesse verso chi lavora con te: chiedere come è andato il weekend non è una sciocchezza, ti farà percepire come un leader reattivo.

Fidati dei tuoi collaboratori. Chiedere continui aggiornamenti farà intendere al personale che non li ritieni all’altezza, facendoli lavorare controvoglia o con il terrore di sbagliare. Non esagerare con il micromanaging, alle volte, può fare più male che bene.

 

Gestione dei dipendenti

 

#3 Sii l’esempio per le persone che collaborano con te

 

Non puoi gestire il personale in modo corretto se prima non dai il buon esempio. Sei il punto di riferimento del tuo staff, la loro fonte di ispirazione: la professionalità e l’impegno partono da te. Se ti aspetti che i tuoi dipendenti si aiutino l’uno con l’altro, si ascoltino e facciano uno sforzo extra per l’azienda, devi essere il primo a portare avanti questi atteggiamenti.

Attenzione al tuo approccio lavorativo, ma anche a quello personale. Arrivando in ritardo li spingerai a essere meno puntuali. Perdendo facilmente la calma, li giustificherai a fare lo stesso. Cerca di diventare il tuo impiegato ideale e le persone ti seguiranno.

 

#4 Incoraggia i momenti di pausa

 

Per rendere una giornata lavorativa più piacevole basta davvero poco. D’altronde, la gestione del personale dipendente ti chiede di avere riguardo anche per il benessere psicofisico dei tuoi collaboratori.

Attività di team building, una stanza per il relax, orari di entrata e uscita flessibili o l’abolizione di rigidi dress code. Sono tutti modi efficaci con cui puoi accrescere l’affiatamento tra colleghi e aiutarli a sentirsi compresi. Incoraggia i tuoi dipendenti a prendere una pausa, capiranno che hai a cuore non solo la produttività, ma anche il loro equilibrio.

Applica alcune di queste iniziative e guarda quali risultati ottieni. Vedrai che i tuoi collaboratori torneranno a svolgere le loro mansioni con maggiore impegno e porteranno all’azienda risultati migliori. Non lasciare che sia lo stipendio il motivo per cui si alzano dal letto. Dagli valori in cui credere e motivazioni per lottare insieme a te.

 

#5 Definisci le aspettative

 

Il manager ha il compito di stabilire delle chiare prospettive per il proprio team. Non esiste gestione del personale aziendale senza una strategia che ti aiuti a mantenere la struttura e il controllo del tuo gruppo di lavoro. Le persone, infatti, arrivano più facilmente al successo quando sanno esattamente cosa devono fare e cosa ci si aspetta da loro.

Idealmente, gli obiettivi vengono decisi all’inizio di ogni progetto. Ma non sempre può bastare. Programma un incontro settimanale o mensile, per sapere come stanno procedendo i lavori. Servirà a te, per avere una visione più dettagliata, e ai tuoi dipendenti, per capire come aggiustare il tiro.

In generale, una buona gestione dei dipendenti dovrebbe aiutarli a sapere sempre quali siano gli obiettivi ed entro quali tempistiche dovranno essere raggiunti, sia a livello personale che aziendale.  Ma, soprattutto, non devono mai sentirsi smarriti. Hanno bisogno di sapere a chi rivolgersi quando ci sono degli intoppi. Se pensi che al momento non sia così, è il caso di agire.

 

Il successo dell’azienda passa da una buona gestione dei dipendenti

 

Sapere come lavorare con gli altri è una parte fondamentale per avere successo in ogni lavoro. Applica questi 5 consigli e falli tuoi. Ti saranno utili per migliorare le capacità di gestione dei dipendenti, aumentarne il coinvolgimento e le prestazioni.

Per fortuna, le abilità nel gestire le persone e relazionarti con loro non sono riservate a pochi eletti. Possono essere apprese, che tu sia un manager alle prime armi o uno più esperto. Certo, ti richiederanno del tempo per padroneggiarle, ma puoi iniziare a migliorarle fin da subito.

Se vuoi costruire un ambiente di lavoro appagante e una cultura di squadra nella tua azienda ecco come organizzare un team di lavoro affiatato e capace di raggiungere gli obiettivi di business.

Attiva ora
la tua fornitura
Bastano solo
2 minuti