Servizio energia e gas

Contratto fornitura energia elettrica: tutto quello che devi sapere prima di sottoscriverlo

C’è molto da considerare prima di sottoscrivere un nuovo contratto di fornitura dell’energia elettrica. Il mercato libero offre diverse opportunità e trovare l’offerta luce che meglio si adatti alle tue abitudini di consumo è finalmente possibile.

Tuttavia, se non sai a cosa prestare attenzione, orientarti tra la moltitudine di proposte commerciali può essere davvero frustrante. Sbagliare è più facile di quanto pensi e il risultato è una bolletta che potrebbe mettere in crisi il tuo budget familiare. Meglio evitarlo.

Decidi tu con quale fornitore di energia vuoi stipulare un contratto. Ma non farlo prima di aver visto insieme a noi tutto quello che c’è da sapere per una scelta ponderata e conveniente.

 

Cos’è un contratto di fornitura dell’energia elettrica e quali sono le principali caratteristiche

 

Prendere il controllo del tuo contratto di fornitura dell’energia elettrica significa acquisire le informazioni di base necessarie, anche se questo riguarda dettagli che potresti ritenere scontati.

Forse stai per entrare in una nuova casa, oppure vuoi solo cambiare fornitore. A prescindere, dovrai stipulare un contratto. È normale, giusto? Ma sai quali sono le caratteristiche di questo particolare documento?

Il contratto di fornitura energetica riporta tutte le condizioni di vendita: costi e clausole essenziali con le quali il venditore si impegna a fornirti la somministrazione di energia elettrica e tu accetti di versare un corrispettivo economico per tale servizio. Dunque, il contratto è personale, oneroso e consensuale. Oltre ad avere una durata che si prolunga nel tempo in base ai tuoi bisogni. Questo significa che:

  • non è riferito alla sola utenza, ma anche a te, che hai sottoscritto il contratto;
  • richiede un pagamento a prestazioni corrispettive, ovvero la fornitura di energia avviene se paghi le bollette;
  • è perfezionabile solo tramite il consenso delle due parti, nessuno può obbligarti a stipulare un contratto o indurti a farlo con l’inganno;
  • chiudere in anticipo il contratto, rispetto a quanto pattuito, potrebbe costarti il pagamento di una penale.

 

Pur essendo personale, il contratto è anche relativo a un luogo fisico, quello in cui avviene l’erogazione della fornitura di energia. Quindi, se cambi casa dovrai sottoscrivere un nuovo contratto. Oppure, in base al contesto, procedere con una voltura o un subentro.

 

Quali sono le clausole nel contratto di fornitura energetica

 

Il Codice di condotta commerciale prevede che il contratto di fornitura dell’energia elettrica contenga delle clausole essenziali e obbligatorie a cui dovresti prestare attenzione. Oltre alle generalità, ai recapiti e all’indirizzo di fornitore e cliente, nello specifico il documento sottoscritto dovrà contenere:

  • tipologia di contratto, ovvero se si tratta di utenza domestica o non domestica. Nel primo caso, dovrà essere specificato se è l’abitazione in cui risiedi o se è una seconda casa;
  • indirizzo dov’è ubicata la fornitura di energia elettrica;
  • tipologia di servizio erogato dal fornitore;
  • data d’inizio del servizio, durata del contratto e modalità di rinnovo;
  • prezzo pattuito per il servizio e possibili variazioni nel tempo;
  • costi relativi a prestazioni aggiuntive, oneri o spese a carico del cliente;
  • eventuale deposito cauzionale, ovvero una cifra variabile a seconda del fornitore, che può essere richiesta per tutelarlo in caso di mancati pagamenti. Opzione che decade nel momento cui opti per la domiciliazione bancaria;
  • garanzie offerte per eventuali verifiche e interventi tecnici al contatore;
  • modalità di fatturazione e pagamento del servizio;
  • criteri adottati per la stima dei consumi;
  • modalità e termini per il pagamento delle bollette;
  • conseguenze di eventuali ritardi nel pagamento, con specifiche penali o interessi di mora;
  • eventuali standard di qualità previsti oltre a quelli già imposti dall’Autorità e gli eventuali indennizzi in caso di mancato rispetto;
  • modalità e procedure da seguire per presentare richieste d’informazioni, reclami o controversie.

 

Esistono diverse modalità di stipula del contratto di fornitura dell’energia elettrica. Puoi sottoscriverlo via web, al telefono, presso un ufficio del fornitore o tramite agenti abilitati. L’importante è ponderare sempre la tua decisione e non avere fretta. Pensa a quali sono le reali esigenze che hai e scegli un contratto che soddisfi le tue abitudini di consumo. Fai attenzione alle offerte luce troppo roboanti ed evita di incappare nelle truffe luce e gas: scopri subito come riconoscerle per evitarle.

Infine, ricorda che, nel caso di un contratto luce per una nuova casa, dove non è ancora installato il contatore, il documento dovrà contenere la richiesta di allacciamento. Dunque, ti serviranno anche i dati catastali dell’abitazione. Invece, se entri in una casa in cui è già presente il contatore, nel contratto dovranno essere riportati i dati che lo riguardano, in particolare la potenza installata e il codice POD.

 

Mercato libero: come scegliere il miglior fornitore di energia elettrica

 

Dal 1° luglio 2007 è iniziata la liberalizzazione del mercato di energia elettrica. Questo ti permette di scegliere il fornitore in base alle condizioni contrattuali che ritieni essere più convenienti per te. Ma non scordare che l’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) continua a vigilare e regolare alcuni aspetti e costi a cui le società fornitrici di energia sono soggette.

Dunque, considera che in ogni bolletta ci sono quote fisse e imposte, che non puoi in alcun modo diminuire o eliminare a prescindere dal fornitore che sceglierai. È sulla parte delle quote variabili, quelle influenzate dai consumi, che i vari operatori possono applicare offerte e promozioni più vantaggiose.

Per scegliere il fornitore, e sottoscrivere il contratto di fornitura dell’energia elettrica migliore per te, dovresti valutare:

  • costo per kWh;
  • efficienza del servizio clienti;
  • trasparenza delle offerte e delle condizioni;
  • modalità di pagamento offerte;
  • presenza sul territorio del fornitore.

 

Addentrarti nei meandri delle offerte luce non è affatto semplice, né intuitivo. Ma se vuoi dissipare ogni dubbio e sottoscrivere il contratto di fornitura energetica più adatto alle tue necessità, qui trovi un approfondimento completo: come scegliere il miglior fornitore di energia elettrica.

Inoltre, sappi che il passaggio da mercato tutelato a libero, o viceversa, è sempre possibile semplicemente con la sottoscrizione di un nuovo contratto di fornitura. Sarà compito del fornitore che hai scelto occuparsi della richiesta di recesso del contratto precedente, senza che tu debba occupartene. Tuttavia, monitora sempre con attenzione.

 

contratto-fornitura-energia-elettrica-tutto-quello-da-sapere
Contratto fornitura energia elettrica: cosa devi sapere prima di sottoscriverlo?

 

Stipula un contratto di fornitura energia elettrica chiaro e completo

 

Orientarti all’interno del mercato libero di fornitura dell’energia elettrica può risultare complesso. Prima di firmare o confermare un nuovo contratto, le informazioni e gli aspetti da verificare sono molti, ma è importante conoscerli, se vuoi avere la certezza di affidarti a una società seria e competente.

L’impatto dei consumi energetici sul tuo bilancio familiare non è mai da sottovalutare e sappiamo che non è facile decidere quale contratto di fornitura dell’energia elettrica sottoscrivere. Prima di farlo verifica le informazioni e gli aspetti che abbiamo visto insieme. È importante conoscerli, se vuoi avere la certezza di affidarti a una società seria e competente.

Sinergy Luce e Gas è sempre al tuo fianco, per guidarti passo dopo passo. Se hai bisogno di maggiori informazioni, o vuoi conoscere le nostre migliori offerte luce e gas, contattaci senza impegno e parla con un nostro operatore. Insieme troveremo la soluzione su misura per le tue esigenze di consumo energetico.

Attiva ora
la tua fornitura
Bastano solo
2 minuti