Servizio energia e gas

Bonus condizionatori 2018: come ottenere le detrazioni

Il bonus condizionatori 2018 è una delle agevolazioni fiscali previste dalla legge di bilancio 2018.

Il condizionatore è diventato ormai un oggetto sempre più diffuso nelle famiglie e nelle aziende italiane, utilizzato soprattutto per rinfrescare i locali in estate ma, grazie ai modelli con pompa di calore, anche per riscaldare gli ambienti quando le temperature non sono troppo rigide.

Le detrazioni fiscali sui condizionatori sono possibili grazie all’Ecobonus, e dipendono dal tipo di intervento (con o senza ristrutturazione) e dal miglioramento delle prestazioni energetiche dell’immobile. Ecco come funziona il bonus e come puoi beneficiare delle agevolazioni.

Bonus condizionatori 2018: cos’è

Il bonus condizionatori è un’agevolazione che permette di detrarre dalla dichiarazione dei redditi una parte delle spese sostenute per l’acquisto di un nuovo modello del bene in questione.

Privati e imprese possono quindi usufruire di detrazioni al 50% o al 65% a seconda del tipo di miglioramento delle prestazioni energetiche ottenute: questo significa che le agevolazioni spettano sia in caso di ristrutturazione edilizia che senza.

La detrazione Irpef per l’acquisto del nuovo climatizzatore viene suddivisa in 10 quote annuali di pari importo. Considera inoltre che, siccome il condizionatore è considerato “bene significativo”, è possibile usufruire anche dell’IVA agevolata al 10% (invece del 22%) su:

  • costi di manodopera e installazione
  • differenza tra costo totale dell’intervento e quello del climatizzatore (per la restante parte, invece, si avrà l’IVA al 22%).

Bonus condizionatori 2018: detrazioni

Quali sono le detrazioni previste dal bonus condizionatori 2018?

L’installazione o la sostituzione di un climatizzatore può prevedere agevolazioni più o meno alte a seconda di interventi specifici. Ecco quali sono:

  • bonus condizionatori senza ristrutturazione: detrazioni al 65% per interventi di sostituzione degli impianti precedenti con nuovi condizionatori a pompa di calore e ad alta efficienza energetica (fino a un massimo di 46.154€);
  • bonus climatizzatori con ristrutturazione edile: detrazioni del 50% anche in caso di installazione di un modello non ad alta efficienza energetica. Se la ristrutturazione edile prevede condizionatori a pompa di calore, la detrazione al 50% ha un tetto massimo di 96.000€;
  • bonus condizionatori con il bonus mobili: detrazioni del 50% per chi esegue un intervento di ristrutturazione straordinaria e acquista mobili e grandi elettrodomestici ad elevata efficienza energetica (A+ o superiore).

Quindi, anche se non hai in previsione interventi di ristrutturazione del tuo immobile, puoi comunque usufruire delle agevolazioni fiscali sostituendo l’impianto precedente con uno ad alta efficienza energetica.

Se prevedi di sostituire o acquistare un condizionatore più potente, potrebbe interessarti questo approfondimento su come aumentare la potenza del contatore dell’energia.

bonus-condizionatori-2018
Bonus condizionatori 2018: come ottenere le detrazioni

Come ottenere le detrazioni del bonus condizionatori 2018

Per ottenere le detrazioni del bonus condizionatori è fondamentale avere la documentazione che attesti l’avvenuto acquisto di tale prodotto.

Per poter detrarre la spesa sostenuta dalla dichiarazione dei redditi, tramite modello unico o 730 precompilato, il pagamento del climatizzatore deve avvenire tramite:

  • bonifico postale o bancario
  • carta di credito
  • carta di debito

È necessario, dunque, conservare ricevute e fatture per fare in modo non solo di comprovare l’effettivo pagamento del condizionatore, ma anche per andare a definire la tipologia di intervento cui è associato (ad esempio ristrutturazione edile o sostituzione di vecchi impianti).

Collegato a questo argomento, inoltre, tieni conto che ci sono anche altre agevolazioni fiscali di cui puoi beneficiare: grazie alla legge di Stabilità 2018, infatti, è possibile usufruire di detrazioni Irpef del 50% o del 65% anche sulle spese sostenute per la sostituzione di vecchi impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione.

Cerchi un fornitore che ti faccia risparmiare in bolletta in modo concreto? Scopri subito le nostre offerte energia e gas!

persona che attiva un contratto

Attiva ora
la tua fornitura
Bastano solo
2 minuti