Servizio energia e gas

Bonus bollette luce e gas Covid-19: scopri chi può richiederlo

Il Bonus bollette luce e gas è finalmente una realtà concreta. Con il decreto sostegni bis, il Governo ha messo a disposizione dei Comuni 500 milioni di euro per aiutare le famiglie in difficoltà a causa del Covid-19.

Certo, non è la prima volta che accade. Altre forme di supporto economico sono già state erogate in precedenza. Ma la grande novità risiede nella possibilità di usufruire del bonus anche per pagare l’affitto, le spese e le bollette delle utenze domestiche.

Dunque, come funziona e a quanto ammonta il Bonus Spesa e Bollette? Chi può richiederlo? Approfondiamo subito e diamo una risposta a tutti i tuoi dubbi.

 

Bonus bollette luce e gas: cos’è e come funziona

 

Il bonus bollette luce e gas prenderà la forma di voucher erogati direttamente dalle autorità comunali. Le risorse economiche previste (500 milioni di euro) saranno assegnate ai Comuni secondo due criteri:

  • 50% – destinato in proporzione alla popolazione residente di ogni Comune;
  • 50% – assegnato in base alla differenza tra il valore del reddito pro capite di ciascun Comune e il valore medio nazionale, ponderato in base alla rispettiva popolazione.

 

È importante specificare che il bonus spesa e bollette potrà essere utilizzato soltanto per specifici acquisti, legati a beni di prima necessità:

  • farmaci;
  • utenze domestiche, come bollette luce e gas;
  • prodotti alimentari;
  • Tari;
  • ecc.

 

Non tutti, ma molti negozi o esercizi commerciali hanno deciso di aderire all’iniziativa. Dunque, le famiglie in difficoltà potranno contare su un supporto economico importante e usare i voucher per garantirsi i beni primari. Vediamo a quanto ammonta e chi può richiedere il bonus spesa e bollette.

 

Gli importi previsti per il bonus spesa e bollette

 

Il bonus bollette è un benefit strettamente vincolato al valore ISEE del singolo nucleo familiare. La soglia per l’accesso varia da Comune a Comune, fermo restante che potranno usufruire dei voucher solo le famiglie con un ISEE non superiore agli 8000 euro.

Gli aiuti a disposizione ammonteranno a cifre tra i 50 e i 700 euro. Gli importi del bonus bollette saranno definiti sulla base del numero dei componenti di ogni famiglia. Ai nuclei più numerosi spetteranno ovviamente somme più ingenti, che però non potranno superare il tetto massimo dei 700 euro per famiglia.

 

I requisiti per richiedere il bonus

 

Ogni amministrazione comunale stilerà le condizioni per l’assegnazione del bonus spesa e bollette. Tra i requisiti imprescindibili saranno valutati, oltre alla cittadinanza italiana, o al permesso di soggiorno, fattori come:

  • situazione lavorativa;
  • patrimonio immobiliare;
  • disponibilità economiche dei nuclei familiari.

 

Torna anche in questo frangente il documento che nell’ultimo anno e mezzo abbiamo imparato a conoscere molto bene: l’autocertificazione. Nel caso in cui le famiglie siano impossibilitate ad acquistare beni di prima necessità, sarà possibile dichiarare – anche tramite certificazione ISEE – un grave peggioramento della situazione economica dovuto al Covid-19.

Attenzione però: il bonus bollette potrà essere richiesto solo dai nuclei familiari che ancora non usufruiscano di alcun ammortizzatore sociale. Quindi, non possono percepirlo le famiglie in cui un membro percepisca già una qualsiasi altra forma di sostegno statale, ad esempio:

  • Reddito di Cittadinanza
  • Cassa integrazione;
  • NASpI (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego).

 

Quando e come richiedere il bonus spesa e bollette

 

Anche in questo caso, le modalità per richiedere il bonus bollette luce e gas varierà da Comune a Comune. La procedura che spiega come effettuare la domanda nel modo corretto sarà consultabile pubblicamente sui siti web istituzionali dei singoli Comuni.

A livello nazionale potrà essere presentata una sola domanda per nucleo familiare. Inoltre, sarà necessario allegare la certificazione ISEE e tutta la documentazione che permetterà di valutare la propria condizione economica:

  • documenti personali;
  • patrimonio immobiliare;
  • requisiti fiscali e conti correnti.

 

La data di inizio per fare richiesta del voucher dovrebbe essere fine giugno, ma dipenderà anche dall’organizzazione di ogni comune, per mettere a bando le risorse destinate.

 

bonus-bollette-luce-e-gas-covid-chi-puo-richiederlo
Bonus bollette luce e gas: chi può richiederlo?

 

Bonus bollette luce e gas Covid-19: cosa fare per risparmiare sulle utenze domestiche

 

Ora conosci tutto quello che c’è da sapere per richiedere il bonus bollette luce e gas. Controlla subito il sito del tuo Comune per capire meglio tempistiche e modalità: è un’ottima opportunità per ridurre la pressione sul tuo budget e risparmiare. Ma che succede a chi non può accedere ai voucher?

Non tutte le famiglie avranno i requisiti per poter usufruire del bonus spesa e bollette, ma ciò non esclude a priori la possibilità di risparmiare. Anche sul mercato libero puoi trovare offerte luce e gas più convenienti e ridurre le spese delle utenze. Alcune, poi, ti permettono di abbattere i costi senza costringerti a cambiare le tue abitudini di consumo.

Sappiamo quanto sia complesso e frustrante doverti destreggiare tra le diverse offerte e capire quale sia davvero quella più adatta per la tua famiglia. È per questo che Sinergy Luce e Gas è ogni giorno al tuo fianco per consigliarti e aiutarti.

Il nostro servizio clienti è a tua disposizione. Contattaci senza impegno e richiedi tutte le informazioni di cui hai bisogno sulle nostre tariffe e i servizi che abbiamo pensato per te. Sarà un piacere trovare insieme la soluzione perfetta per le tue esigenze di consumo luce e gas.

Attiva ora
la tua fornitura
Bastano solo
2 minuti